cose da sapere sulla Giordania

6 cose da sapere sulla Giordania prima di partire

Che in Giordania vi perderete tra una delle sette meraviglie del mondo, Petra, e che passerete una notte nel fantastico deserto del Wadi Rum lo sapete già.

Vorrei invece dirvi quali sono le cose da sapere sulla Giordania e darvi qualche altra dritta su quello che ci si può aspettare in viaggio per poter organizzare al meglio il proprio itinerario.

Cose da sapere sulla Giordania

La Giordania è un Paese sicuro?

Partiamo da un argomento molto sentito per tutti coloro che stanno pensando di andare in Giordania. L’idea di base è che la Giordania sia un paese pericoloso e poco sicuro.

La Giordania ha la sola colpa di essere in mezzo ad alcuni paesi confinanti che sono in continua lotta, come la SiriaIsraele, l’Iraq e l’Arabia Saudita e purtroppo sta pagando per questo.

Quindi la Giordania è pericolosa! Nulla di più falso. Tutti erano terrorizzati che io andassi in questo posto. Ma ve la posso dire una cosa? Non ho trovato mai paese più sicuro. Non c’è stato un solo momento in cui ho pensato di essere in pericolo o in cui mi sia successo qualcosa di strano.

Il popolo è estremamente gentile e anche se ha nell’anima sempre quella voglia di venderti qualcosa, ma lo fa senza esagerare.

Inoltre lungo tutto il tragitto troverete molta polizia e posti di blocco proprio per garantire la sicurezza nel paese, il massimo che faranno sarà chiedere il passaporto per un controllo.

Quanto tempo serve per visitare la Giordania?

Partiamo da un argomento molto sentito per tutti coloro che stanno pensando di andare in Giordania. L’idea di base è che la Giordania sia un paese pericoloso e poco sicuro.

La Giordania ha la sola colpa di essere in mezzo ad alcuni paesi confinanti che sono in continua lotta, come la SiriaIsraele, l’Iraq e l’Arabia Saudita e purtroppo sta pagando per questo.

Quindi la Giordania è pericolosa! Nulla di più falso. Tutti erano terrorizzati che io andassi in questo posto. Ma ve la posso dire una cosa? Non ho trovato mai paese più sicuro. Non c’è stato un solo momento in cui ho pensato di essere in pericolo o in cui mi sia successo qualcosa di strano.

Il popolo è estremamente gentile e anche se ha nell’animo sempre quella voglia di venderti qualcosa, ma lo fa senza esagerare.

Inoltre lungo tutto il tragitto troverete molta polizia e posti di blocco proprio per garantire la sicurezza nel paese, il massimo che faranno sarà chiedere il passaporto per un controllo.

Che temperature troverò?

Sono stata in Giordania nei mesi a cavallo tra Dicembre e Gennaio. L’ho attraversata da nord a sud toccando veramente ogni tipo di clima.

Ad Amman si trova il freddo invernale che si può trovare in una città come Roma in questi mesi, parliamo di circa 8/10 gradi. Il classico clima mediterraneo per capirsi.

Nella zona del Mar Morto, il punto più basso della terra, le temperature sono molto più calde e non potrai quindi privarti di un bagno nel mare più salato al mondo.

Ad Aqaba eravamo intorno ai 20 gradi, ci siamo anche lasciati andare in un fantastico bagno nel Mar Rosso per vedere la barriera corallina.

In estate, soprattutto nella parte a sud, Petra e deserto, il clima è torrido e quindi fa molto caldo.

Il periodo migliore per vedere questo paese rimane quindi Settembre/Ottobre o Maggio/Giugno.

Attenzione agli orari

Nel periodo invernale il sole tramonta alla 16.30 e quindi diventa completamente buio.

Pertanto in questo stesso orario chiudono anche tutte le attrazioni, quindi dovrete tenere conto di questo dettaglio per organizzare al meglio l’itinerario.

Infatti durante il nostro viaggio eravamo soliti cominciare le giornate molto presto.

Come muoversi in Giordania?

Per girare la Giordania in autonomia e senza vincoli di orari abbiamo affittato una macchina. La cosa potrebbe spaventare ma in realtà guidare in questo paese è semplicissimo e peraltro c’è una sola strada, quindi non ci si può sbagliare.

In alternativa ci sono autobus o autisti privati dal costo comunque contenuto.

Visto e Jordan Pass

Avete mai sentito parlare del Jordan Pass? Io l’ho trovato una svolta epocale. Si tratta di un Pass che vi permette di accedere a diverse attrazioni presenti in tutto il paese, ed incluso c’è anche il Visto.

Normalmente il Visto è acquistabile in aeroporto ad Amman al costo di 50 JOD, ma acquistando il Jordan Pass Base al costo di 70 JOD, il Visto sarà incluso, ed ecco che già vi conviene.

Esistono tre tipologie di Jordan Pass che si differenziano solo per il numero dei giorni da dedicare a Petra.

Quindi il meno caro vi permette l’accesso a Petra una volta. Quello medio due volte. Il più caro tre volte.

Sul sito ufficiale del Jordan Pass trovate tutte le informazioni dettagliate in Italiano.

Una panoramica sulle tappe principali

Aqaba e snorkeling nel Mar Rosso

Se vi state chiedendo, Aquaba si / Aqaba no, vi dico personalmente che Aqaba non è tra le cose indispensabili da vedere, è una città moderna che affaccia sul Mar Rosso, ma se vi capita di passarci rimane in ogni modo una tappa di relax.

Noi ne abbiamo approfittato per riposarci e per fare snorkeling nel Mar Rosso. Abbiamo sfruttato la cosa per fare una giornata senza impegni, passeggiare, andare al mare per ricaricarci per la nuova tappa.

Se farete snorkeling vi capiterà sicuramente di vedere sott’acqua anche un carrarmato e un aereo, ma non pensate che siano relitti di guerra… sono stati messi li per puro scopo turistico! Sinceramente trovo questa cosa pessima! Ma al di la di questo la barriera corallina ha il suo perché.

Petra: dedicateci almeno una giornata intera

Petra non vuol dire vedere solo “Tesoro” e “Monastero”, che tutti decantano, certo non sono niente male, ma Petra è molto di più!

Ci sono dei trekking bellissimi e poco battuti da fare, che vi faranno vedere dei paesaggi mozzafiato!

Potrete decidere di farli sia con una guida che per conto vostro… noi abbiamo optato per la seconda scelta, ci siamo voluti letteralmente perdere tra le bellezze di questa antica città.

Vi consiglio di portarvi delle scarpe da trekking, o comunque scarpe comode, e di vestirvi a strati perché camminerete molto e sotto al sole avrete caldo anche a Dicembre.

Wadi Rum: Un deserto magico

Per poterselo godere un minimo il Wadi Rum necessita almeno di due giorni e una notte. Il deserto è meraviglioso e sono moltissime le escursioni che potete fare, in 4×4 o sui cammelli, ammirare il tramonto e condividere la tenda comune con altri viaggiatori.

Noi abbiamo deciso di arrivare in mattinata, fare un’escursione tutto il giorno in 4×4 per passare lì la notte di capodanno. Eravamo in un campo tendato e abbiamo condiviso con altri viaggiatori una fantastica cena preparata dalle nostre guide, una serata tra balli e racconti per festeggiare poi tutti insieme l’arrivo del nuovo anno.

Il giorno dopo ricca colazione e siamo stati riportati al Visitor Center per recuperare la nostra auto.

Durante il giorno era fresco nel deserto, ma l’escursione termica è molto elevata. La notte me la ricordo particolarmente fredda, quindi se come me siete freddolosi, portatevi qualcosa di molto pesante.

La capitale Amman

Amman è la capitale della Giordania e a primo impatto la definirei come una città antica, con le case arroccate sul colle e la via principale ricca di bazar, negozi di artigianato, negozi di spezie e angoli dove trovi la cucina locale. La cultura musulmana è molto presente.

Ma troviamo anche una Amman più occidentale, caratterizzata da grattacieli, ristoranti e night club.

Non mancano inoltre le attrazioni storiche come La Cittadella, l’anfiteatro romano e la Moschea.

Jerash: come ci arrivo e quanto mi serve per visitarla?

Jerash è una cittadina che si trova a circa 60 km a nord di Amman ed è famosa per il suo importante sito archeologico Romano.

Abbiamo raggiunto il sito in macchina percorrendo la strada 35. Strada lineare e senza intoppi. Ma è possibile raggiungere la città anche in bus. Non vi do ulteriori dettagli sui mezzi pubblici perché non li abbiamo usati ma potrete trovare ogni soluzione su questo sito web.

Il sito archeologico è bellissimo e ha superato ogni aspettativa. Per poterlo vedere come si deve vi serviranno almeno  4/5 ore. All’inizio non lo pensavo, ma una volta che ci sei dentro ti renderai conto di quanto è bello perdersi per quelle rovine, leggere qualche informazione e capire esattamente dove stai camminando.

Conclusioni

In questo post ho voluto riassumere tutti i dubbi che avevo prima di partire e a cui non avevo trovato risposta. Spero vi siano stati utili e se vorrete approfondire l’argomento potete consultare i post specifici o lasciarmi un commento alla fine della pagina, vi toglierò ogni dubbio.

Organizza il tuo viaggio

Voli

Per trovare le migliori offerte sui voli visita Volagratis o Momondo. Sono i migliori motori di ricerca per trovare voli economici.

Alloggio

Per l’alloggio faccio spesso affidamento a Booking.com. Ci sono opzioni valide per tutte le tasche. Ma controllo sempre anche Airbnb o Hostelworld.

Assicurazione di viaggio

Mai, mai mai e poi mai partire senza assicurazione. Ci sono diversi siti da consultare per assicurati. I due che preferiscono sono World Nomads Columbus Assicurazioni.

Attività

Spesso per prendere spunti su attività da fare consulto Get Your Guide e Musement. Qui è possibile prenotare biglietti per musei, tour, guide e molte altre cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

INDICE CONTENUTI

×

INDICE CONTENUTI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: